In Progetto Asilo Nido ora: 47

Benvenute in Progetto Asilo Nido


Il sito delle educatrici per condividere e confrontarsi sull'universo degli asili nido!

Contenuti di Progetto Asilo Nido

Agire educativo al Nido - Domande - 1

Agire educativo al Nido - Domande - 1

In queste schede sono presentate 10 domande sull'agire educativo più frequentemente chieste nelle selezioni e nei concorsi per educatore di asilo nido.
Per passare alle 10 domande successive, clicca sul link alla fine dell’articolo.
Tempo da impiegare: max 8 minuti.

Agire educativo in concorsi e selezioni per educatore asilo nido

Le domande sull'agire educativo sono l'essenza dei concorsi e selezioni per educatore di asilo nido. Conseguire un buon punteggio nella valutazione delle conoscenze e competenze già possedute dal candidato sull'agire educativo è indispensabile sia nella prova scritta sia in quella orale.
Ciò ci ha convinto a proporre alle future educatrici di asilo nido una serie di domande specifiche sull'agire educativo.

Le domande che seguono sono quasi tutte raccolte da vari concorsi e selezioni per educatore di asilo nido dal 1995 ad oggi; le rimanenti sono state da noi sviluppate.
Per un elenco di sinonimi dei termini abitualmente usati in ambito di asilo nido e per definizioni di concetti particolari, vedi Termini per asilo nido.

Domande sull'agire educativo

Le seguenti domande possono essere usate sia come quesito a risposta multipla, sia come domanda aperta: basta non cliccarci sopra e non si vedono le possibili risposte!


Una educatrice di asilo nido parla di “coetaneo familiare” del bambino per indicare:


Il fratello più vicino per età
Il compagno del gioco parallelo
Il concetto iniziale di amico

Risposta:

Il concetto iniziale di amico; è un termine coniato da Rubin

Risposta:

Prossemico

La “protesta per la separazione” (Bowlby), normale risposta primaria alla separazione del bambino dal caregiver, è costituita da:


Ritiro sociale ed aggressività auto-diretta
Pianto, urla, morsi, calci
Una crisi d'ansia con mutismo

Risposta:

Pianto, urla, morsi, calci

Quali delle seguenti forme sintattiche NON è utilizzata da una educatrice durante il “baby talking”?


Frasi prevalentemente in terza persona
Frasi prevalentemente affermative
Frasi con verbi di forma passiva

Risposta:

Frasi con verbi di forma passiva

La “protesta per la separazione” (Bowlby) messa in atto dal bambino al momento di doversi distaccare da un caregiver è diretta a:


Punire il caregiver con l'intento di evitare la separazione
Ottenere dal caregiver la promessa di una ricompensa al momento del rincontro
Punire l'altro adulto che deve accoglierlo affinché rinunci

Risposta:

Punire il caregiver con l'intento di evitare la separazione

Risposta:

Sia al bambino che alla madre

Il concetto di “zona prossimale di sviluppo” ( Vygotskij), quando è usato da una educatrice di asilo nido, si riferisce a:


A quelle funzioni NON ancora mature per il cui sviluppo è determinante il sostegno dell’educatrice
Alla distanza fisica che l’educatrice deve tenere per permettere l'identificazione del bambino
Alla vicinanza affettiva che l’educatrice deve dimostrare al bambino nei momenti critici

Risposta:

A quelle funzioni NON ancora mature per il cui sviluppo è determinante il sostegno dell’educatrice

Una educatrice di asilo nido sa che le principali valenze espressive del pianto nella sezione lattanti riguardano:


Desiderio di essere preso in braccio
Rabbia, fame, disperazione
Senso di noia o di frustrazione

Risposta:

Rabbia, fame, disperazione

Trasportare il concetto di “madre capace di reverie” (Bion) nell’asilo nido significa che, per un armonioso sviluppo psico-fisico del bambino, l’educatrice deve essere capace di:


Soddisfare le richieste del bambino ma senza eccedere nelle concessioni
Stabilire, tramite osservazione, la quantità di frustrazioni che il bambino può tollerare
Sintonizzarsi con le emozioni del bambino ed accogliere e contenere le sue angosce 

Risposta:

Sintonizzarsi con le emozioni del bambino ed accogliere e contenere le sue angosce

Dal punto di vista di una educatrice di asilo nido, la responsività del genitore verso il figlio consiste in:


Nell'avvertire un senso di responsabilità per la sua “riuscita” all’asilo nido
Nella capacità di prestare attenzione alle sue esigenze
Nel rappresentare adeguatamente le sue abitudini alle educatrici del nido

Risposta:

Nella capacità di prestare attenzione alle sue esigenze (come è per una educatrice di asilo nido)


Se ritieni che una risposta sia errata o incompleta, per favore lascia un messaggio nel forum o un commento sulla pagina di Progetto Asilo Nido su Facebook. Grazie!

Come usare le domande sull'agire educativo

Abbiamo sviluppato queste domande sull'agire educativo come aiuto nella preparazione a un concorso o ad una selezione per educatore di asilo nido.
Come per tutte le domande, anche quelle di Progetto Asilo Nido ti sembreranno banali se conosci bene il tema. Quindi, se:

  • impieghi più di 30-45 secondi per leggere e rispondere ad una domanda
  • la domanda ti sembra “difficile” da capire per termini usati e distinzioni proposte

Allora ti consigliamo di rivedere gli argomenti relativi all'agire educativo dell'educatrice di asilo nido prima di proseguire oltre nel tuo studio, ad esempio leggendo gli articoli presentati nella categoria Agire educativo e negli articoli collegati, in particolare Individualizzazione di azioni educative al Nido - Buone pratiche.
In bocca al lupo, futura collega educatrice di asilo nido!


Progetto Asilo Nido & Social