In Progetto Asilo Nido ora: 40

Benvenute in Progetto Asilo Nido


Il sito delle educatrici per condividere e confrontarsi sull'universo degli asili nido!

Contenuti di Progetto Asilo Nido

Leggi e Pubblica Amministrazione (PA) - Domande - 5

Leggi e Pubblica Amministrazione (PA) - Domande - 5

In queste schede sono presentate 10 domande su leggi nazionali e aspetti della Pubblica amministrazione che frequentemente sono chieste nelle selezioni e nei concorsi per educatore di asilo nido.
Per passare alle 10 domande successive, clicca sul link alla fine dell’articolo.
Tempo da impiegare: max 8 minuti.

Leggi e Pubblica Amministrazione in concorsi e selezioni per educatore asilo nido

Domande sulle leggi nazionali, in particolare sulla Costituzione e su quante regolano la Pubblica Amministrazione, sono sempre presenti nei concorsi e selezioni per educatore di asilo nido. Spesso domande su leggi non attinenti direttamente i servizi per l'infanzia, ma di natura generale, o l'esatta comprensione di termini in esse contenuti, possono fare la differenza tra fallire la prova o diventare educatrice di asilo nido.
Ciò ci ha convinto a proporre una serie di domande specifiche su Leggi e Pubblica Amministrazione per l'asilo nido.

Le domande che seguono sono quasi tutte raccolte da vari concorsi e selezioni per educatore di asilo nido dal 1995 ad oggi; le rimanenti sono state da noi sviluppate.
Per un elenco di sinonimi dei termini abitualmente usati in ambito di asilo nido e per definizioni di concetti particolari, vedi Termini per asilo nido.

Domande su Leggi e Pubblica Amministrazione

Le seguenti domande possono essere usate sia come quesito a risposta multipla, sia come domanda aperta: basta non cliccarci sopra e non si vedono le possibili risposte!


A chi si riferisce il dovere di fedeltà alla repubblica, ai sensi dell'art. 54 Cost.?


Solo ed esclusivamente ai cittadini di sesso maschile, in quanto chiamati alla leva militare
A tutti i cittadini
A tutti gli individui

Risposta:

 A tutti i cittadini

Tra i criteri di risoluzione delle antinomie tra le fonti, il criterio cronologico prevede che, tra più fonti pariordinate, prevalga:


Sempre quella più antica
Di regola quella più antica, salvo che quella più recente esplicitamente abroghi quella più antica
Quella più recente

Risposta:

Quella più recente

La direzione è una relazione organizzativa:


Che riguarda solo ed esclusivamente il rapporto tra enti diversi
Necessariamente interna ad un determinato ente
Che può riguardare sia il rapporto tra enti diversi, sia i rapporti interni ad un determinato ente

Risposta:

Che può riguardare sia il rapporto tra enti diversi, sia i rapporti interni ad un determinato ente

Quale delle seguenti non rappresenta una caratteristica tipica dell'attività di controllo:


L'accessorietà
La facoltatività
La conformità alle forme previste dalla legge

Risposta:

La facoltatività

Agli enti pubblici economici si applicano le norme del codice civile?


Sì, la loro disciplina è interamente contenuta nel codice civile
No, nessuna norma del codice civile è loro applicabile
Sì, la loro disciplina è prevista sia nel codice civile che in altre norme di legge

Risposta:

Sì, la loro disciplina è prevista sia nel codice civile sia in altre norme di legge

Risposta:

Sì, sempre

Ai sensi dell'art. 4 della vigente legge n. 241/90, la determinazione dell'unità organizzativa responsabile del procedimento:


È resa pubblica in conformità ai singoli ordinamenti
Resta tra gli interna corporis dell'amministrazione, non avendo rilevanza esterna
Viene pubblicata all'albo della singola amministrazione

Risposta:

È resa pubblica in conformità ai singoli ordinamenti

Tra i compiti del responsabile del procedimento rientra, ai sensi dell'art. 6 della vigente legge n. 241 del 1990:


La valutazione, ai fini istruttori, delle condizioni di ammissibilità per l'emanazione del provvedimento
La fissazione del termine finale di conclusione del procedimento
 l'individuazione del soggetto che adotta il provvedimento

Risposta:

La valutazione, ai fini istruttori, delle condizioni di ammissibilità per l'emanazione del provvedimento

Risposta:

Sì, per gravi ragioni e per il tempo strettamente necessario

Ai sensi dell'art. 3 della vigente legge n. 241 del 1990, gli atti normativi devono essere motivati?


Sì, sempre
No
Sì, solo se trattasi di atti normativi regionali e locali


Se ritieni che una risposta sia errata o incompleta, per favore lascia un messaggio nel forum o un commento sulla pagina di Progetto Asilo Nido su Facebook. Grazie!

Come usare le domande sulle leggi e sulla Pubblica Amministrazione per asilo nido

Abbiamo sviluppato queste domande sulle leggi e sulla Pubblica Amministrazione come aiuto nella preparazione a un concorso o ad una selezione per educatore di asilo nido.
Come per tutte le domande, anche quelle di Progetto Asilo Nido ti sembreranno banali se conosci bene il tema. Quindi, se:

  • impieghi più di 30-45 secondi per leggere e rispondere ad una domanda
  • la domanda ti sembra “difficile” da capire per termini usati e distinzioni proposte

Allora ti consigliamo di rivedere gli argomenti relativi alle principali leggi nazionali (non tralasciando quelle della tua regione) e sulla Pubblica Amministrazione prima di proseguire oltre nel tuo studio; può essere utile anche la lettura delle definizioni e dei termini contenuti nel nostro glossario Termini per asilo nido e, per focalizzare le leggi regionali, dare un'occhiata a quanto descritto in Leggi e Asilo Nido.
In bocca al lupo, futura collega educatrice di asilo nido!


Progetto Asilo Nido & Social